Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Articoli

Montefortino

Scritto da b&b marche-tourism - porto san giorgio. Postato in Il Fermano

MontefortinoMontefortino è uno dei più signficativi insediamenti della Comunità Montana e del Parco Nazionale dei Sibillini. L'anfiteatro delle montagne è spettacolare, con cime che raggiungono i 2000 mt. come la Priora o il Pizzo Berro, Ma la presenza più fascinosa è quella del Monte Sibilla, la profetessa che predisse la nascita di Cristo. La figura della Sibilla è una trasformazione cristiana e medievale della dea Cybele, rappresentata con il capo turrito ed infatti "corona" è chiamata una cintura rocciosa che corre intorno al monte omonimo. La grotta della Sibilla ha ispirato tradizione colta e popolare fin dal Medioevo, il racconto del francese Antoine de la Sale, il Paradiso della Regina Sibilla, Guerrino detto il meschino di Andrea da Barberino, il poema il Meschino detto il Guerrino di una raffinata poetessa rinascimentale come Tullia d'Aragona.

Il territorio di Montefortino è un documento straordinario per leggere la storia economica della montagna picena. Un'economia silvo-pastorale persistente testimoniata dall'ampiezza dei pascoli comunali di Castel Manardo, dalla diffusa presenza delle comunanze, legate ad una fruizione comunitaria, collettiva delle risorse. Ad iniziare dal XVI Secolo avanza l'agricoltura cerealicola. Sale dal fondo valle a piè di monte il modello del podere mezzadrile con il suo tessuto geometrico dei terreni ed i poli sparsi di casali e case. I capitali accumulati fino al '4oo nelle attività mercantili e manifatturiere sono riversati nei nuovi investimenti agricoli sostenuti anche da una den-sità di popolazione ragguardevole. Le case-torri di cui la più antica è datata 1504 testimoniano esemplarmente tale appoderamento precoce. Possenti nel loro andamento chiuso e verticale, che richiama le strutture difensive delle torri gentilizie urbane, le case-torri sono costituite da un piano terra adibito a stalla, da un primo piano dove risiede la famiglia colonica e da un sottotetto dove vengono allevati i colombi, indispensabili alla fertilizzazione del fondo con la produzione del concime detto, appunto, palombina. Ed è questa sezione della casa che, con la presenza di rosoni e di posatoi in cotto, destinati a facilitare l'accesso dei volatili, introduce elementi di estetico alleggerimento. Essi persisteranno, ulteriormente impreziositi, nelle bellissime colombaie del XVII e XVIII Secolo, di cui un raffinato esemplare è la casa a sviluppo orizzontale e torre centrale in contrada Ponti. Oggi l'agricoltura è specialistica, come la produzione della "mela rossa", mentre fin dal '500 è attestata nei documenti la raccolta di tartufi. La montagna è anche luogo dello straniamento, della distanza negata tra mito e realtà, la fenditura tra la Sibilla e la Priora con lo stapiombo delle rocce scavato dal corso d'acqua, dal Tenna è chiamato Infernaccio, evocando così il mondo rivoltato, un "altro" mondo, incarnato in un paesaggio orrido e sublime. La montagna ha una vita sotterranea e segreta anche nel pullulare di sorgenti e di acque utilizzate per uso domestico e acque minerali.

Eventi nel Fermano

Marche Eventi - Provincia FM

Aggiornamenti su tutti gli eventi della Regione Marche

Eventi nelle Marche

Marche Eventi

Aggiornamenti su tutti gli eventi della Regione Marche
Italian Chinese (Simplified) English French German Portuguese Russian Spanish