Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Lapedona

Scritto da b&b marche-tourism - porto san giorgio. Postato in Il Fermano

LapedonaLapedona venne probabilmente fondata dai Liburni o dai Siculi che avevano edificato la vicina Torre di Palme. Successivamente, nel 485 a. C. circa, è una delle tante colonie romane del piceno e, avendo fatto parte della centuriazione dell'agro fermano, vi venivano coltivati i tanto decantati prodotti agricoli piceni, come le olive, le pere e le mele. Molti sono i resti di ville rustiche e sepolcri che si incontrano lungo la campagna: pezzi di colonne e materiali architettonici sono visibili nei pressi della chiesa della Madonna Bruna.

Sugli insediamenti di epoca romana ed altomedievale sono nate le contrade in cui ancora oggi è suddiviso il territorio, queste prendono il nome dalle chiese o dagli antichi proprietari dei fondi: nei primi documenti dell'XI secolo si nominano i castelli di S. Martino e Saltareccio. La sottomissione totale a Fermo avviene nel 1405 quando, priva di un suo podestà, è rappresentata da un balivo presso la curia del podestà di Fermo. La fortificazione delle mura cittadine risale al 1451. pochi anni prima Francesco Sforza l'aveva scelta, assieme ad Altidona, come base per azioni belliche. Nel 1538 Lapedona entra a far parte dello Stato Pontificio; nel 1790 viene saccheggiata dalle truppe francesi vincitrici su quelle napoletane dopo la battaglia di Torre di Palme. Nel 1860, tolta dalle Delegazione provinciale de Fermo viene aggregata alla provincia di Ascoli Piceno.

Eventi nel Fermano

Marche Eventi - Provincia FM

Aggiornamenti su tutti gli eventi della Regione Marche

Eventi nelle Marche

Marche Eventi

Aggiornamenti su tutti gli eventi della Regione Marche
Italian Chinese (Simplified) English French German Portuguese Russian Spanish